Valleascosa
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.
Cerca
 
 

Risultati per:
 


Rechercher Ricerca avanzata

Ultimi argomenti commentati
» La mia storia di follia
I Classici e l'Amore EmptyMer Lug 31, 2013 9:40 am Da La Duse

» Pagine consunte...
I Classici e l'Amore EmptyVen Lug 05, 2013 8:04 pm Da Eloisa

» Scricchiolio di palcoscenico.
I Classici e l'Amore EmptyVen Lug 05, 2013 10:32 am Da La Duse

» Citando splendori in prosa...
I Classici e l'Amore EmptyVen Lug 05, 2013 10:13 am Da La Duse

» I Classici e l'Amore
I Classici e l'Amore EmptyVen Lug 05, 2013 9:56 am Da La Duse

» Tele e pennelli
I Classici e l'Amore EmptyVen Lug 05, 2013 9:51 am Da La Duse

» Epistolario fra il Libraio, Sibilla Aleramo e don Chisciotte
I Classici e l'Amore EmptyVen Giu 28, 2013 3:33 pm Da Sibilla Aleramo

» Eloisa in aeternum amans
I Classici e l'Amore EmptyVen Giu 28, 2013 7:53 am Da Eloisa

» Il Dono di Ippolito
I Classici e l'Amore EmptyVen Giu 28, 2013 7:27 am Da Virginia Woolf

Chi è online?
In totale c'è 1 utente online: 0 Registrati, 0 Nascosti e 1 Ospite

Nessuno

[ Guarda la lista completa ]


Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 13 il Gio Mag 30, 2013 7:25 pm
VARIA
I Classici e l'Amore 2pqsw7k

I Classici e l'Amore Avpjjb

I Classici e l'Amore 33k53q0

I Classici e l'Amore 2qx9mpc

I Classici e l'Amore

Andare in basso

I Classici e l'Amore Empty I Classici e l'Amore

Messaggio Da Eloisa il Sab Giu 22, 2013 7:47 am

Seduta presso questo muro eternamente chiuso al mondo, aspiro il profumo del gelsomino (fiore esotico, dal persiano yasamin, attraverso l’arabo jasamin) che vi si arrampica come proteso a cercare la libertà e la luce e penso ad un'altra pianta il cui nome suona simile, eppure ha origini diversissime, il gelso (termine latino: morum celsam = ‘moro alto’) di cui esistono varietà bianche e nere. Da qui come non ricordare la soave e terribile favola di Piramo e Tisbe, raccontata con parole dolcissime e struggenti dal grande Ovidio nelle sue Metamorfosi?  oh perchè ogni cosa mi riporta là al dramma dell'Amore impossibile, macchiato del sangue di un inutile sacrificio?
Quanti scrittori imiteranno Ovidio riprendendo il tema degli infelici innamorati uniti nell'amore e nella morte?


«Pìramo e Tisbe, lui di tutti i giovani il più bello, lei unica fra tutte le fanciulle che ha avuto l'Oriente, abitavano in case contigue. Grazie alla vicinanza si conobbero e nacquero i primi vincoli: col tempo crebbe l'amore. E si sarebbero uniti in matrimonio, se i genitori non l'avessero impedito; ma impedire non poterono che perdutamente ardessero l'uno dell'altra.


Nessuno ne è al corrente, si parlano a cenni, a gesti, e quel fuoco nascosto più lo si nasconde, più divampa. Da una sottile fessura, formatasi già al tempo della costruzione, era solcato il muro comune alle due case. Quel difetto, ignoto a tutti per centinaia d'anni (cosa mai non scopre l'amore?), voi, innamorati, per primi lo scorgeste e l'usaste come via per parlarvi: di lì ben protette passavano giorno per giorno in un sussurro le vostre effusioni.


Spesso, immobili, Tisbe da una parte, Pìramo dall'altra, dopo aver spiato a vicenda i propri aneliti:"Muro invidioso", dicevano, "perché ti frapponi al nostro amore? Quanto ti costerebbe lasciarci unire con tutto il corpo o, se questo è troppo, aprirti perché potessimo baciarci? Non siamo degli ingrati: sappiamo di doverti già molto, se a orecchie amiche permetti che giungano le nostre voci". Pronunciate invano, l'uno dall'altra divisi, queste parole, a notte si salutarono e ognuno alla sua parte di muro impresse baci senza speranza che s'incontrassero.

L'aurora seguente aveva rimosso i fuochi della notte, il sole sciolto coi suoi raggi la brina nei prati e loro si ritrovarono in quel luogo. Con lieve bisbiglio allora, dopo essersi a lungo lamentati, decisero di eludere i custodi, di tentare la fuga nel silenzio della notte e, una volta fuori casa, lasciare la stessa città; ma per non smarrirsi, vagando in aperta campagna, stabilirono d'incontrarsi al sepolcro di Nino e di nascondersi al buio sotto un albero: quello che imbiancato di bacche lì si trovava, un alto gelso appunto, vicino a una gelida sorgente.
Questo l'accordo; e la luce, che sembrava non volersene andare, calò a un tratto nel mare e da quel mare si levò la notte. Di soppiatto aprendo la porta, Tisbe uscì, senza farsi sentire dai suoi, nelle tenebre e, col volto velato, giunta al sepolcro, sedette sotto l'albero convenuto: audace la rendeva amore.

 Quand'ecco che, con le fauci schiumanti sangue per la strage di un armento, venne a spegnere la sete sua nella fonte accanto una leonessa.
Di lontano ai raggi della luna la vide Tisbe e con le gambe tremanti corse a rifugiarsi in un antro oscuro, ma nel fuggire lasciò cadere per l'ansia il velo dalle spalle.
La belva feroce, placata a furia d'acqua la sua sete, mentre tornava nel bosco, trovò per caso abbandonato a terra quel velo delicato e lo stracciò con le fauci sporche di sangue.

Uscito più tardi, Pìramo scorse in mezzo all'alta polvere le orme inconfondibili di una belva e terreo si fece in volto. Quando poi trovò la veste macchiata di sangue: "Una, una sola notte", gridò, "manderà a morte due innamorati. Di noi era lei la più degna di vivere a lungo; colpevole è l'anima mia. Io, sventurata, io ti ho ucciso, io che ti ho spinto a venire di notte in luoghi così malsicuri, e neppure vi venni per primo. Dilaniate il mio corpo, divorate con morsi feroci quest'uomo scellerato voi, voi leoni, che vi rintanate sotto queste rupi! Ma è da vili chiedere la morte". 


Raccolse il velo di Tisbe e lo portò con sé al riparo dell'albero convenuto; poi, dopo avere intriso di lacrime e baci quella cara veste: "Imbeviti ora", esclamò, "anche di un fiotto del sangue mio!".
E si piantò nel ventre il pugnale che aveva al fianco, poi, ormai morente, fulmineo lo trasse dalla ferita aperta e cadde a terra supino. Schizza alle stelle il sangue, come accade se, logoratosi il piombo, un tubo si fende e da un foro sottile sibilando esce un lungo getto d'acqua, che sferza l'aria con la sua violenza.
I frutti dell'albero, spruzzati di sangue, divengono cupi e, di sangue intrisa, la radice tinge di vermiglio i grappoli delle bacche.

Ed ecco che, ancora impaurita, per non deludere l'amato, lei ritorna e con gli occhi e il cuore cerca il giovane, impaziente di narrargli a quanti pericoli è sfuggita. Ma se riconosce il luogo e la forma della pianta, la rende incerta il colore dei frutti: in forse se sia quella.
Ancora in dubbio, vede un corpo agonizzante che palpita a terra in mezzo al sangue; arretra e, col volto più pallido del legno di bosso, rabbrividisce come s'increspa il mare, se una brezza leggera ne sfiora la superficie.

Ma dopo un attimo, quando in lui riconosce il suo amore, in pianto disperato si percuote le membra innocenti, si strappa i capelli abbracciata al corpo dell'amato, colma la ferita di lacrime, confonde il pianto col sangue suo e, imprimendo baci su quel volto gelido, grida: 
"Quale sventura, quale, Pìramo, a me ti ha strappato? Pìramo, rispondi! Tisbe, è la tua amatissima Tisbe che ti chiama. Ascoltami, solleva questo tuo volto inerte!".
Al nome di Tisbe Pìramo levò gli occhi ormai appesantiti dalla morte e, come l'ebbe vista, per sempre li richiuse.
Solo allora lei riconobbe la sua veste e scorse il fodero d'avorio privo del pugnale:
 "La tua stessa mano e il tuo amore ti hanno ucciso, infelice! Ma per questo anch'io ho mano ferma," disse, "e ho il mio amore: mi darà lui la forza d'uccidermi. Nell'oblio ti seguirò; si dirà che per sciagura fui io causa e compagna della tua fine. Solo dalla morte, ahimè, potevi essermi strappato, ma neanche da quella potrai esserlo ora. Pur travolti dal dolore esaudite almeno, voi che genitori siete d'entrambi, la preghiera che insieme vi rivolgiamo: non proibite che nello stesso sepolcro vengano composte le salme di chi un amore autentico e l'ora estrema unì. E tu, albero che ora copri coi tuoi rami il corpo sventurato d'uno solo di noi e presto coprirai quelli di entrambi, serba un segno di questo sacrificio e mantieni i tuoi frutti sempre parati a lutto in memoria del nostro sangue!"

Questo disse, e rivolto il pugnale sotto il suo petto, si lasciò cadere sulla lama ancora calda di sangue.

E almeno la preghiera commosse gli dei, commosse i genitori: per questo il colore delle bacche, quando sono mature, è nero e ciò che resta del rogo in un'urna unica riposa».


PUBLIO OVIDIO NASONE, Metamorfosi, IV, vv. 55-166


I Classici e l'Amore Piramo11
Eloisa
Eloisa

Messaggi : 24
Data d'iscrizione : 31.05.13
Località : nata nell'Ile de la Cité di Parigi , residente a Troyes

Torna in alto Andare in basso

I Classici e l'Amore Empty Re: I Classici e l'Amore

Messaggio Da Virginia Woolf il Dom Giu 23, 2013 6:01 pm

Eloisa, rispondo con un mito senza tempo: Amore e Psiche.


Psiche era una principessa e aveva due sorelle. Tutte e tre erano bellissime, ma Psiche di più; sembrava una dea e nessuno voleva sposarla perché la sua bellezza incuteva timore. Troppa realtà fa male agli occhi. Il padre consultò un oracolo che presagì un mostro orribile come marito.

Psiche, agghindata da sposa, venne esposta su una roccia e lì lasciata sola. Ma un vento dolce la rapì, trasportandola su un verde prato. Era il giardino di un palazzo magnifico, le cui porte si aprivano al suo passaggio e voci di invisibili servitori si mettevano al suo servizio. Di stupore in stupore passò la prima giornata. Giunta la sera avvertì una presenza: era il marito della profezia; non lo poteva vedere, ma il suo affetto e calore non le sembrarono affatto mostruosi. Lui non le disse chi fosse e l’avvertì di non tentare di scoprirlo, altrimenti l’avrebbe perduto per sempre.

Passarono insieme notti di passione finché un giorno la nostalgia di casa si fece sentire. Così, dopo molte insistenze, il marito concesse a Psiche di uscire dal palazzo per andare a trovare i suoi cari. Quando le sorelle sposate la rividero, innamorata e felice, portare loro doni magnifici, provarono gelosia e la spinsero a disobbedire all’ordine e a scoprire chi fosse il marito. Così avvenne che rientrata a palazzo, la notte dopo cedette alla tentazione. Alla luce di una lampada ad olio scoprì che, al suo fianco, dormiva un bellissimo adolescente. La mano le tremò dall’emozione e una goccia d’olio bollente cadde su di lui. Amore si svegliò e fuggì via, per sempre.

La storia avrà un lieto fine ma, prima di diventare immortale e di sposare il suo Amore, Psiche dovrà superare quattro difficili prove di iniziazione, riconquistare il favore di Venere (la futura suocera) e rischiare la morte per riaccendere Eros con la sua bellezza.

I Classici e l'Amore Amore-e-psiche
Virginia Woolf
Virginia Woolf

Messaggi : 39
Data d'iscrizione : 24.05.13
Età : 49
Località : Inghilterra

Torna in alto Andare in basso

I Classici e l'Amore Empty Re: I Classici e l'Amore

Messaggio Da Eloisa il Dom Giu 23, 2013 7:36 pm

Conobbi questa meravigliosa storia leggendo segretamente i Metamorphoseon libri, o Asinus aureus, l'opera di Lucio Apuleio , opera non consentita in realtà alla lettura di una casta fanciulla , ma che trovai non scandalosa ma divertentissima da un lato e ricca di valori spiritualissimi dall'altro. Questa favola, poi, è deliziosa, e rappresenta l'unione indissolubile tra l'amore e l'anima.
Eloisa
Eloisa

Messaggi : 24
Data d'iscrizione : 31.05.13
Località : nata nell'Ile de la Cité di Parigi , residente a Troyes

Torna in alto Andare in basso

I Classici e l'Amore Empty Re: I Classici e l'Amore

Messaggio Da Eloisa il Mar Giu 25, 2013 10:57 pm


Rapita 
nello specchio dei tuoi occhi 
respiro 
il tuo respiro. 
E vivo...


I Classici e l'Amore Saffo_10        SAFFO


Eros ha sconvolto il mio cuore, 
come un vento che si abbatte sulle querce sulla montagna. 

Eloisa
Eloisa

Messaggi : 24
Data d'iscrizione : 31.05.13
Località : nata nell'Ile de la Cité di Parigi , residente a Troyes

Torna in alto Andare in basso

I Classici e l'Amore Empty Re: I Classici e l'Amore

Messaggio Da Virginia Woolf il Ven Giu 28, 2013 7:57 am

Straordinaria poetessa di un lontano passato, Saffo. Credo sia stata modello per tanta poesia moderna.
Saffo, la cui anima è a me congeniale, ama parimenti l'uomo e la donna.
Rispondo proponendo a mia volta Catullo.
Con questa, che resta la più bella di tutte.

Odi et amo. Quare id faciam, fortasse requiris.
Nescio, sed fieri sentio et excrucior.

(Ti odio e ti amo. Come possa fare ciò, forse ti chiedi.
Non lo so, ma sento che così avviene e me ne tormento.)
Virginia Woolf
Virginia Woolf

Messaggi : 39
Data d'iscrizione : 24.05.13
Età : 49
Località : Inghilterra

Torna in alto Andare in basso

I Classici e l'Amore Empty Re: I Classici e l'Amore

Messaggio Da Eloisa il Ven Giu 28, 2013 9:01 am

Ancora Catullo:

CIX. Iocundum, mea vita, mihi proponis amorem

A me prometti tu, anima mia,
un amore senz’ombre e senza fine.
Che tu parli col cuore e che mantenga
la tua promessa, questo chiedo al Cielo.
Che duri sempre e che sia sempre sacro
questo patto reciproco d’amore.
Eloisa
Eloisa

Messaggi : 24
Data d'iscrizione : 31.05.13
Località : nata nell'Ile de la Cité di Parigi , residente a Troyes

Torna in alto Andare in basso

I Classici e l'Amore Empty Re: I Classici e l'Amore

Messaggio Da La Duse il Ven Lug 05, 2013 9:56 am

Io vi porto i versi di Alceo...

Bevi e inebriati con me, Melanippo. Che pensi?
Una volta varcato l'Acheronte vorticoso
non tornerai più a vedere la luce pura
del sole. Suvvia, non nutrire speranze grandi.
Anche Sisifo, il re figlio di Eolo,
di tutti il più scaltro, pensava di vincere la morte.
Pur molto accorto, ma soggetto al destino,
due volte varcò il vorticoso Acheronte
e una pena grande diede a lui da soffrire sotto la terra nera
il re Cronide. Ma a queste cose non pensare.
Finché siamo giovani, ora più che mai dobbiamo
sopportare le pene che il dio ci dà
La Duse
La Duse
Admin

Messaggi : 45
Data d'iscrizione : 23.05.13
Età : 49
Località : Torino

https://valleascosa.forumattivo.it

Torna in alto Andare in basso

I Classici e l'Amore Empty Re: I Classici e l'Amore

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.